La Giunta comunale di Castelvetro ha deliberato un importante quadro di lavori di manutenzione straordinaria delle strade comunali. Gli interventi sono stati decisi a seguito di una ricognizione sul territorio e sulla base delle risorse disponibili sul bilancio 2023. Si tratta di interventi di ripristino e di prevenzione contro degradi futuri (rifacimento del manto stradale e, in taluni casi, dello strato di fondazione) nei tratti più critici delle vie del territorio maggiormente ammalorate, quali via Ossi, via Cimitero e via Poggio, in modo da riqualificare la viabilità e migliorare così le condizioni generali di sicurezza. Previsti interventi di ripristino anche sull’asfalto del parcheggio adiacente la piazza Papa Giovanni Paolo II nella frazione di Levizzano Rangone.

Il piano dei lavori, che si realizzeranno a fine inverno, prevede un importo di 140 mila euro, ai quali bisogna sommare anche altri 60 mila euro già previsti per gli interventi emergenziali di ripristino del manto stradale in altri tratti – questi da realizzare subito – che portano il totale complessivo a 200 mila euro. Un quadro che sarà presto implementato con ulteriori fondi che saranno stanziati sul bilancio 2024, come conferma la vicesindaca Giorgia Mezzacqui: «Come Giunta riteniamo doverosa l’attenzione verso la manutenzione delle strade, cruciale per la sicurezza, per la qualità delle infrastrutture e per l’economia del territorio. I lavori approvati sono solo il primo passo di una programmazione complessiva che prevede interventi ben più corposi: nella elaborazione del bilancio che verrà discusso in Consiglio comunale il prossimo dicembre abbiamo già previsto, in sinergia con gli uffici, di incrementare ulteriormente gli stanziamenti per una manutenzione stradale più efficiente, che comprenderà anche il necessario adeguamento della segnaletica stradale, sia orizzontale che verticale».









Articolo precedenteMeloni “Abbiamo già cambiato l’Italia, è sotto gli occhi di tutti”
Articolo successivoModena: i Master degli Amici del Nuoto sulla cresta dell’onda