25 novembre, le caserme dell’Arma dei carabinieri di Reggio, Guastalla e Castelnovo si illuminano di arancioneGrazie a una collaborazione istituzionale tra l’Arma e il Soroptimist International d’Italia, l’associazione di donne impegnate nel sostegno all’avanzamento della condizione femminile nella società, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ed in collaborazione con il Soroptimist reggiano che sostiene la campagna internazionale Orange the World promossa dall’ ONU da UNWoman e dalla federazione Europea del Club, le caserme dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Emilia, Guastalla e Castelnovo Monti si illumineranno di arancione per tutta la giornata del 25 novembre.

L’Arma reggiana, particolarmente sensibile al tema della violenza sulle donne, è da sempre attenta e impegnata con i suoi militari in prima linea nella lotta e contrasto di tale grave fenomeno, che ha visto i carabinieri operare numerosi arresti e denunce grazie anche al maggior coraggio avuto dalle stesse vittime che hanno trovato la forza di denunciare, ed alle specifiche norme introdotte dalla cosiddetta legge del Codice Rosso. Particolare su tale fronte è stata anche l’attenzione riposta dall’Arma per favorire la denuncia da parte delle vittime sia con la realizzazione, in collaborazione con l’Associazione Soroptimist, della cosiddetta “stanza tutta per sé” che dall’impiego nella specifica tipologia delittuosa di 39 donne in divisa in forza ai comandi dislocati nella provincia di Reggio Emilia appositamente preparate.

Le caserme dell’Arma dei Carabinieri di Reggio Emilia, Guastalla e Castelnovo Monti ospitano una delle 150 stanze del progetto “Una stanza tutte per sé”, un ambiente nato per assistere la donna nel delicato momento della denuncia, allestito in modo che la donna possa sentirsi a proprio agio nel raccontare di volta in volta le emozioni negative vissute, accolta in un luogo dedicato da personale specializzato. Una fattiva collaborazione, quella fra l’arma reggiana e l’associazione Soroptimist club reggiano, che negli anni ha portato alla condivisione e partecipazione dell’arma reggiana verso una serie di iniziative ritenute fondamentali per sensibilizzare e debellare un fenomeno sempre in crescita come purtroppo dimostrano le quotidiane cronache nazionali che non risparmiano certamente la nostra provincia. Oltre ad importanti seminari svolti, rivolti agli studenti delle scuole superiori e alla simbolica illuminazione delle caserme di arancione, anche l’ulteriore programma vede i Carabinieri reggiani partecipare a corsi di formazione sulla comunicazione non verbale, organizzati da Soroptimist Club Reggio Emilia e tenuti dalla Dr.ssa Rosaria Ruta per favorire la comprensione del disagio che non riesce ad essere espresso a parole.

 









Articolo precedenteBrescello: si allaccia abusivamente alla rete elettrica, denunciato
Articolo successivoDomani a Guastalla presentazione pubblica de La Via Matildica del Volto Santo