Quasi tutti i comuni dell’Appennino bolognese registrano la mancata manutenzione e il mancato ripristino delle linee telefoniche interrotte per vari motivi.

Le amministrazioni dei Comuni dell’Unione sono profondamente risentite perché non riescono ad ottenere un’interlocuzione formale e non sanno cosa rispondere ai cittadini, giustamente irritati per i continui disservizi.

“Il servizio telefonico è un servizio essenziale ma evidentemente per chi vive in Appennino non lo è – dichiara il Presidente dell’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese Maurizio Fabbri -. Siamo molto preoccupati per i ritardi con cui Tim ripristina i collegamenti interrotti per vari motivi. A differenza di altri gestori, quali ad esempio Enel o Hera, non abbiamo una interlocuzione diretta per la telefonia e siamo in grande difficoltà. Chiediamo un intervento urgente perché non possiamo più aspettare”.

 









Articolo precedentePeste suina africana e piani di contenimento dei cinghiali, l’assessore Mammi incontra presidenti e rappresentanti delle Province
Articolo successivoLaser e note per la festa di Capodanno nel centro storico di Modena