Home Regione Cgil Cisl Uil chiedono sospensione ticket retroattivo

Cgil Cisl Uil chiedono sospensione ticket retroattivo

La legge finanziaria, in vigore dal gennaio 2007, introduce nuove disposizioni in materia di partecipazione alla spesa sanitaria per le prestazioni specialistico-ambulatoriali e diagnostiche e per quelle erogate in regime di pronto soccorso ospedaliero. Si tratta di norme che, nel corso della discussione sulla legge, non abbiamo condiviso e che, anche alla luce della loro concreta applicazione, mettono in evidenza il rischio di scaricare costi eccessivi su alcune categorie di cittadini, a partire dai lavoratori con basso reddito, famiglie monoparentali e anziani non esenti ma in condizioni di salute molto precarie.

La Regione Emilia Romagna ha inviato alle aziende sanitarie una circolare nella quale indica i propri orientamenti relativi all’applicazione di queste norme, indicando tra l’altro la retroattività del pagamento di un ticket di 10 euro sulle ricette emesse nel 2006, per le quali non è ancora stata erogata la relativa prestazione.
Il 4 gennaio abbiamo chiesto con urgenza alla Regione un incontro, allo scopo di valutare congiuntamente le ricadute organizzative ed economiche di queste scelte, a partire da un’interpretazione corretta ed equa che sospenda il pagamento retroattivo di 10 euro per le prescrizioni di visite specialistiche e diagnostiche. Come già hanno fatto altre Regioni, ci sono le condizioni per evitare, da subito, questo ulteriore danno per i cittadini della nostra regione.

(Cgil Cisl Uil Emilia Romagna)