“Liberata”: una storia di provincia fra amore e violenza






    Una provincia degradata, un tempo in bilico tra passato e presente, quattro personaggi dai furori indomabili. Venerdì 28 marzo alle ore 21.00 il Teatro Calcara di Crespellano (via Garibaldi 56) apre le porte alla compagnia bolognese del Teatro dell’Argine in scena con lo spettacolo “Liberata”.


    Partendo dalle suggestioni di una leggenda medievale, con “Liberata” Nicola Bonazzi costruisce una storia sanguigna, grottesca e drammaticamente attuale, fatta di amore, sopraffazione e violenza. A ispirarlo è la vita di santa Liberata, una vergine salvata da un matrimonio imposto grazie al miracolo di una fluente barba spuntatale dopo una notte di preghiere e per questo condannata al martirio. La “Liberata” del Teatro dell’Argine è invece una donna dei nostri giorni finita nella trappola di un amore che presto la trasformerà in giustiziera per vendicare i soprusi e gli abusi di un marito psicopatico e violento.

    Interpretata da Micaela Casalboni, Liberata vive con la sua piccola giostra sulle sponde romagnole dell’Adriatico, poco lontano dalla lucentezza delle località turistiche. Qui viene assediata da Italo (Andrea Gadda), un fascinoso perdigiorno deciso a sposarla per impadronirsi dei suoi terreni. Al suono di un valzer francese e dopo un viaggio di nozze a Pennabilli, comincia per lei l’incubo della convivenza con un uomo logorato dall’ambizione di un benessere che non arriverà mai. Italo è sadico, violento e non risparmia i suoi furori neanche verso le figlie avute dal primo matrimonio (Giulia Franzaresi e Frida Zerbinati), due angeli della disperazione, vittime e complici di un degrado a cui “l’amore paterno” le ha condannate per sempre. In un crescendo di tensione, Liberata troverà il coraggio di ribellarsi a un ordine di cose apparentemente immutabile e compirà il miracolo di salvare se stessa e Italo dalla dannazione.

    Per consentire agli spettatori di godersi lo spettacolo, a partire dalle ore 20 il Teatro Calcara mette gratuitamente a disposizione lo “Spazio bimbi”, un luogo con personale qualificato dove i più piccoli possono divertirsi e fare amicizia. Prenotazione al numero 348 8738818.

    Lo spettacolo “Liberata” rientra nel cartellone “Nuovi Teatri”. Biglietto intero 8 euro, ridotto 6 euro (under 21 e over 65).

    Come raggiungere il Teatro Calcara da Bologna:
    Da via Saffi prendere l’asse attrezzato Sud-Ovest in direzione Vignola, seguendo le indicazioni per Crespellano. A Crespellano proseguire sulla provinciale fino alla località Muffa. La provinciale curva a sinistra in prossimità di un passaggio a livello. Girare a destra, superare il passaggio a livello e percorrere via Cassola, che proseguendo diventa via Giuseppe Garibaldi. Ampio parcheggio attorno allo stabile.

    Per informazioni e prevendite:
    Teatro Calcara, via Giuseppe Garibaldi, 56 – 40056 Calcara di Crespellano – Teatro delle Temperiee-mail – Cell. 348 8738818.









    Articolo precedenteIl cordoglio della Provincia per la scomparsa di Eustachio Loperfido
    Articolo successivoBologna: corso di formazione sulla disabilità visiva