Modena: conferimento lauree ad honorem in Medicina e Chirurgia






    A margine della quattro giorni che vede impegnati da giovedì 4 marzo 2010 a Modena tutti i più illustri clinici che si occupano a livello internazionale di malattie dell’apparato respiratorio, nel tardo pomeriggio del secondo giorno l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia conferirà il suo più alto riconoscimento, la laurea ad honorem, a due figure che in campi diversi hanno saputo in questi anni contribuire allo sviluppo della ricerca nel campo – appunto – delle malattie dell’apparato respiratorio.

    A ricevere il prestigioso titolo di studio saranno il prof. Frederich E. Hargreave ed il dott. Paolo Chiesi.

    La solenne cerimonia si terrà presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti (corso Canalgrande 5) di Modena nel tardo pomeriggio di venerdì 5 marzo 2010 alla presenza della autorità e del corpo accademici e di altre autorità civili e militari.

    La decisione di assegnare alle due personalità la laurea in Medicina e Chirurgia segue l’approvazione unanime assunta dalla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia in data 23 luglio 2009, ratificata dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca lo scorso 28 gennaio.

    “L’aspetto più caratteristico della personalità del prof. Hargreave – si legge nelle motivazioni – è la sua capacità di stimolare ed avviare alla ricerca una generazione di giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo. I suoi studi hanno portato importanti scoperte nell’ambito delle malattie respiratorie, in particolare in riferimento all’infiammazione delle vie aeree in pazienti con asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva”.

    Riguardo all’altro insignito la decisione affonda nel riconoscimento che “è stato pioniere nello sviluppo in Europa dei surfattanti per il trattamento e la profilassi della sindrome da distress respiratorio nei neonati prematuri. Altra area di fondamentale attività scientifica del dott. Chiesi è stata quella delle tecnologie inalatorie”.

    A fare gli onori casa sarà il Rettore prof. Aldo Tomasi, che porterà ai presenti il saluto dell’Ateneo. Seguirà poi la lettura delle motivazioni che saranno illustrate dalla Preside della facoltà di Medicina e Chirurgia prof. Gabriella Aggazzotti. Quindi il prof. Dario Olivieri dell’Università di Parma ed il prof. Leonardo Fabbri dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia pronunceranno la laudatio dei nuovi laureati, che precederà il conferimento dei diplomi di laurea e l’imposizione del tocco da parte del Rettore. La cerimonia si concluderà con le lectio magistralis che verranno tenute dal dott. Paolo Chiesi su “Il Respiro della Ricerca” e dal prof. Frederick E. Hargreave su “Research is a team effort”.

    FREDERICK E. HARGREAVE Professore Emerito presso la Faculty of Health Sciences McMaster University a Hamilton (Canada) dove ha ricoperto la carica di Professore Ordinario di Medicina dal 1982. I risultati delle Sue ricerche hanno permesso lo sviluppo di tecniche di misura e caratterizzazione dell’infiammazione delle vie aeree, dell’infiammazione broncopolmonare e della reattività bronchiale in pazienti con malattie respiratorie. Le Sue eccezionali capacità di fare ricerca sono testimoniate dalle numerose pubblicazioni e dalla spiccata capacità di attirare ed educare una generazione di giovani ricercatori che ricoprono oggi prestigiose posizioni accademiche in tutto il mondo.

    PAOLO CHIESI Vice-Presidente e Direttore Ricerca e Sviluppo di Chiesi Farmaceutici S.p.A. e Presidente della Fondazione Chiesi. Ha sviluppato solide competenze nelle aree farmaceutiche più importanti quale quella respiratoria, cardiovascolare, antireumatica e antiosteoporotica, neuro geriatrica e nelle tecnologie di somministrazione dei farmaci. In particolare, è stato pioniere nello sviluppo in Europa dei surfattanti per il trattamento e la profilassi della Sindrome da Distress Respiratorio nei neonati prematuri, e nello sviluppo della tecnologia “Modulite” per farmaci inalatori per il trattamento di asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).









    Articolo precedenteControlli della Polizia Municipale negli spacci aziendali carpigiani
    Articolo successivoModena, Lenzini: il PDL crede nella libertà di scelta e il voto sulla scuola paritaria in Comune lo testimonia