“Rimetti a punto le lancette della memoria”: il premio sulla strage di Bologna ai ragazzi dell’Istituto Gobetti di Scandiano






    BolognesiÈ stato istituito tre anni fa il concorso di idee intitolato: “Bologna ore 10.25. Rimetti a punto le lancette della memoria” in onore di Vittorio Vaccaro ed Eleonora Geraci, che furono tra le 85 vittime della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna. L’iniziativa intende commemorare il tragico evento che ha colpito anche le comunità di Scandiano e Casalgrande dove vivevano Eleonora e Vittorio, madre e figlio, e le loro rispettive famiglie.

    Il concorso di idee, a cadenza annuale, è stato promosso dalle famiglie di Vittorio ed Eleonora in occasione del trentesimo anniversario della strage. A partire dall’anno scolastico 2010-2011, è rivolto agli studenti dell’Istituto superiore “Piero Gobetti” di Scandiano e ha il patrocinio dei comuni di Casalgrande e Scandiano.

    Concorrono al premio gli elaborati con diversi linguaggi multimediali: scrittura, narrazione, poesia, fotografia, video, pittura, scultura, musica, teatro. I lavori possono essere presentati da studenti singoli o da gruppi di classi. Fra tutti gli elaborati, una commissione di valutazione stabilirà come ripartire il premio complessivo di 1.000 euro stanziato a sostegno dell’iniziativa.

    Venerdì 7 giugno alle ore 9, nell’Aula magna dell’Istituto “Piero Gobetti” di Scandiano, vi sarà la premiazione degli elaborati dell’anno scolastico 2012/2013. Saranno presenti in rappresentanza del comune di Casalgrande il sindaco Andrea Rossi e l’assessore Marco Cassinadri per il comune di Scandiano l’assessore Giulia Iotti.

    Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione delle vittime della strage del 2 agosto e presente lo scorso anno, nel corso della commemorazione della strage, ha dichiarato: «questa manifestazione non è un elemento di disturbo da eliminare, ma è il segno di una società vitale».

     









    Articolo precedenteSabato inaugura la nuova sede Cgil di Prignano
    Articolo successivoDue interpellanze di Pollastri per i bambini che hanno disturbi dalla nascita, soggetti dislessici o audiolesi