Fuori-dal-ComuneFavorire il dialogo tra amministrazione e comunità di quartiere, raccontando ai cittadini gli obiettivi raggiunti e, allo stesso tempo, affrontando nel dettaglio le nuove sfide e le singole criticità della frazione. Questo l’obiettivo di “Fuori dal Comune”, il percorso che, nei mesi di aprile e maggio, vede un calendario di 8 incontri sul territorio, tutti nelle giornate di mercoledì e con inizio alle 18:30.

Primo appuntamento l’8 aprile, alla Scuola Materna di Idice, dove ci si confronterà sulle problematiche ed i temi relativi alle frazioni di Idice, Colunga e Campana. Il mercoledì successivo, 15 aprile, l’amministrazione si trasferisce a Castel De’Britti, per incontrarne i cittadini nella sede dell’Istituto Salesiano (via Idice 27). A chiudere gli appuntamenti del mese, Pulce-Farneto (22 aprile, Parrocchia San Lorenzo del Farneto, via Jussi 131) e La Mura San Carlo, 29 aprile (Centro Tonelli, via Galletta 42).

“Favorire i processi di cittadinanza attiva, responsabilità sociale e progettualità è tra i principali obiettivi del percorso”, spiega il vicesindaco con Delega alle Frazioni, Claudia D’Eramo. Un percorso che si rinnova, quest’anno, con la proiezione di un video ove l’amministrazione racconta i risultati dei primi sei mesi di mandato e delinea i principali obiettivi di medio termine, con l’imperativo di garantire massima qualità dei servizi su tutto il territorio comunale.

Nel mese di maggio, “Fuori dal Comune” prosegue con ulteriori 4 appuntamenti, per coprire così l’intero territorio comunale. Si comincia il 6 maggio, alla Sala Dardani Cefal (via Nazionale Toscana, 1), per ascoltare i cittadini di Paleotto (Trappolone) e via Nazionale Toscana, per proseguire mercoledì 13 al Centro sociale “La Terrazza”, dove l’amministrazione chiama a raccolta i cittadini di Ponticella e Croara. Il percorso prosegue mercoledì 20 a La Cicogna (scuola materna Donini, via Donini 3), per chiudersi il 27 in Sala di Città con un incontro dedicato ai cittadini del capoluogo e dei quartieri Borgatella, Caselle e Villaggio Martino.

“Con Fuori dal Comune – sottolinea D’Eramo – intendiamo dare sostanza al concetto di partecipazione democratica che consiste anzitutto nel portare l’amministrazione vicino al cittadino, ascoltandone i bisogni e le esigenze. Allo stesso tempo, è dovere dell’amministrazione raccontare ai cittadini quanto si sta realizzando su ogni singolo territorio, frazione, quartiere, per accrescere la qualità della vita e dei servizi e per rispondere così, con tutti gli strumenti a disposizione dell’amministrazione comunale, ai bisogno ed alle aspettative di tutta la nostra comunità”.

Programma degli incontri sul sito del Comune

 









Articolo precedenteMaranello, studentesse giapponesi in visita
Articolo successivoTanti appuntamenti ad Aprile per “Sassuolo che Vive”