Home In evidenza Reggio Emilia Oggi, al Polo Macallè di Reggio Emilia, lezioni di salvavita per 500...

Oggi, al Polo Macallè di Reggio Emilia, lezioni di salvavita per 500 studenti

Indossare la cintura di sicurezza è assicurarsi alla vita: uno slogan sentito o letto molte volte all’interno di campagne pubblicitarie. Parole che spesso, purtroppo, si guardano con distrazione. Non è stato così per i quasi cinquecento studenti delle scuole superiori reggiane che stamattina al polo di via Makallè hanno partecipato alla tappa reggiana del Tir track crash test simulation e hanno potuto vedere e, in alcuni casi provare, l’importanza dei sistemi di ritenuta in caso di incidente o di ribaltamento del mezzo.

Obiettivo della manifestazione – organizzata dall’Ufficio scolastico provinciale in collaborazione con l’Osservatorio regionale per la sicurezza stradale, Polizia locale di Reggio Emilia, Polizia stradale, Carabinieri, Provincia, vigili del Fuoco, 118, Gev, Aci – è far comprendere a ragazzi in età da patente la funzione salvavita della cintura di sicurezza. Nel piazzale del polo scolastico un autoarticolato equipaggiato con attrezzature speciali ha simulato il ribaltamento dell’auto. I ragazzi saliti a bordo, guidati da Leonardo Indiveri, esperto di sicurezza stradale, hanno potuto sperimentare e mostrare ai compagni cosa succede durante un cappottamento e i metodi per uscire in sicurezza da un’auto ribaltata.

La mattinata si è divisa in due dimostrazioni, il primo alle 9 e il secondo alle 11, a cui hanno preso parte, oltre a tutte le scuole del polo (Canossa, Bus, Itis e Secchi), anche la Filippo Re, il Russel e il Carrara di Guastalla. Nel corso della manifestazione sono stati distribuiti a tutti gli studenti i mini etilometri per l’autoanalisi del tasso alcolemico.

Prima di abbandonare il territorio reggiano il Tir track crash test simulation farà una seconda tappa reggiana il 17 a Castelnovo Monti per 250 ragazzi dell’Istituto Mandela e del Cattaneo.