Home Cronaca Modena: arrestato due volte nell’arco delle 24 ore per detenzione ai fini...

Modena: arrestato due volte nell’arco delle 24 ore per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti



Ieri sera dopo le 17.00, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Modena hanno tratto in arresto un 34enne straniero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Durante uno dei molti servizi effettuati dai Carabinieri di Modena nelle zone più sensibili della città, finalizzati alla prevenzione e contrasto delle condotte devianti dei giovani, gli operatori hanno controllato la zona della stazione ferroviaria e del viale Vittorio Emanuele. Proprio in quest’ultimo viale, un uomo, alla vista dei Carabinieri, ha abbandonato lo zaino dandosi alla fuga e dirigendosi verso la stazione ferroviaria, imboccando alcune vie secondarie per far perdere le tracce.

La persona veniva bloccata nonostante la fuga e la resistenza opposta agli operanti per impedire il compimento degli atti d’ufficio. L’uomo, nel corso della perquisizione, è stato trovato in possesso di circa 20 grammi di hashish, ripartiti in più dosi e di 70 € in contanti.

24 ore prima la stessa persona era stata già sorpresa e arrestata dai Carabinieri, nel viale Vittorio Emanuele, poiché anche in quella circostanza, trovato in possesso droga, aveva gettato lo zaino e opposto resistenza ai militari intervenuti.

La persona, già destinataria della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G. è stata nuovamente arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale e condotta davanti al Giudice per l’udienza con rito direttissimo, dove l’arresto è stato convalidato e applicata la nuova misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Modena.

 

 

Articolo precedenteVede i Carabinieri e ingoia le dosi di cocaina. Due giovani arrestati dai carabinieri a Sassuolo
Articolo successivoApertura della campagna abbonamenti 2021/2022 dei Teatri di Bagnolo in Piano e Rio Saliceto