Home Appennino Reggiano Scandiano: si impantana con la macchina e rincasa rubandone un’altra. Denunciato

Scandiano: si impantana con la macchina e rincasa rubandone un’altra. Denunciato



Nottetempo è rimasto impantanato con la sua autovettura in un bosco nel comune di Ventasso. A piedi a raggiunto la valle arrivando fino a Nismozza dove, complice la presenza delle chiavi sul blocco di accensione, ha rubato un’auto raggiungendo così la sua abitazione a Scandiano. Il singolare episodio è stato ricostruito dai carabinieri della stazione forestale di Busana che, con l’accusa di furto, hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Reggio Emilia un 60enne abitante a Scandiano. Raggiunto dai carabinieri presso la sua abitazione, l’uomo ha ammesso le proprie responsabilità.

Ad attivare i militari forestali della stazione di Busana, sono stati i colleghi dell’arma territoriale di Collagna che hanno segnalato la presenza nei boschi del comune di Ventasso di un’autovettura in stato di abbandono. Ricevuta la segnalazione i militari dalla targa  risalivano al proprietario. Nel corso degli accertamenti emergeva che negli stessi giorni, in località Nismozza del comune di Ventasso, a pochi chilometri dal veicolo abbandonato, era stata rubata un’autovettura Ford C-Max appartenente ad un’azienda. Nel proseguo degli accertamenti emergevano forti collegamenti tra l’auto impantanata e quella rubata. I militari accertavano quindi che il 60enne, trovandosi nell’impossibilità di proseguire la marcia con la sua autovettura, la abbandona incamminandosi verso valle. Sfinito arrivava quindi sino alla frazione di Nismozza dove trovava l’autoveicolo Ford C-Max con le chiavi nel cruscotto. Decideva quindi di utilizzare l’autovettura per rientrare a casa, per poi abbandonarla in una zona artigianale vicina alla sua abitazione dove veniva successivamente rinvenuta dai carabinieri. Mentre la Ford C-Max veniva restituita ai derubati, il 60enne veniva denunciato alla Procura reggiana per furto.

 

Articolo precedenteE’ morto Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banca Mediolanum
Articolo successivoMaurizio Landini giovedì al presidio Saga Coffee