Home Bologna 4.151 nuovi casi Coronavirus oggi (18/3) in regione. Stabili i ricoveri in...

4.151 nuovi casi Coronavirus oggi (18/3) in regione. Stabili i ricoveri in terapia intensiva, calano quelli negli altri reparti Covid

Quasi 22.000 tamponi eseguiti. Il 97,1% dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. L’età media dei nuovi positivi è di 41,2 anni. 12 decessi






Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.231.488 casi di positività, 4.151 in più rispetto a ieri, su un totale di 21.989 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 11.576 molecolari e 10.413 antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 18,9%.

Vaccinazioni

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 16 sono state somministrate complessivamente 10.242.723 dosi; sul totale sono 3.766.950 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 93,7%. Le terze dosi fatte sono 2.711.065.

Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate.

Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/.

Ricoveri

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 52 (-1 rispetto a ieri, -1,9%), l’età media è di 65,7 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 965 (-26 rispetto a ieri, -2,6%), età media 74,6 anni.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 2 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 2 a Parma (-1); 5 a Reggio Emilia (invariato); 4 a Modena (+1); 17 a Bologna (-5); 1 a Imola (invariato); 6 a Ferrara (+2); 5 a Ravenna (+1); 1 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (invariato) e 7 a Rimini (+1 rispetto a ieri).

Contagi

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 41,2 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 864 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 253.948), seguita da Modena (625 su 190.708) e Reggio Emilia (518 su 135.566); poi Ravenna (445 su 113.338), Parma (444 su 100.417) e Ferrara (321 su 84.691); quindi Rimini (270 su 120.777), Cesena (230 su 69.555), Forlì (156 su 58.147) e Piacenza (155 su 66.313); infine, il Circondario Imolese con 123 nuovi casi di positività su un totale da inizio pandemia di 38.028.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 35.876 (+1.887). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 34.859 (+ 1.914), il 97,1% del totale dei casi attivi.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Guariti e deceduti

Le persone complessivamente guarite sono 2.252 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.179.474.

Purtroppo, si registrano 12 decessi:

  • 3 in provincia Parma (una donna di 64 anni e due uomini, uno di 86 il cui decesso è stato registrato dall’Ausl di Reggio Emilia, e uno di 87 anni)
  • 1 in provincia di Reggio Emilia (un uomo di 92 anni)
  • 1 in provincia di Modena (un uomo di 90 anni)
  • 1 in provincia di Bologna (una donna di 86 anni)
  • 1 in provincia di Ferrara (una donna di 88 anni)
  • 2 in provincia di Ravenna (due uomini di 85 e 93 anni)
  • 3 in provincia di Forlì-Cesena (due donne di 88 e 92 anni e un uomo di 82 anni).

Non si registrano decessi in provincia di Piacenza, Rimini e nel Circondario Imolese.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 16.138.









Articolo precedenteCroazia: la vicepresidente della Regione, Elly Schlein, in visita al centro di accoglienza profughi di Bologna
Articolo successivoLotta al razzismo, il Comune di Bologna promuove la redazione di un piano cittadino attraverso un avviso pubblico