Home In evidenza La Junior TIM Cup a Sassuolo in campo contro ogni discriminazione

La Junior TIM Cup a Sassuolo in campo contro ogni discriminazione

Speciale “terzo tempo” sul tema “Keep Racism Out” mercoledì alle 18 presso il Mapei Football Center






Contro il razzismo ed ogni forma di discriminazione nei grandi stadi, così come nei piccoli impianti e ovunque vi sia vita ed attività sportiva, servono i fatti così come le parole. Misurate, giuste, bilanciate, vere, frutto di esperienze vissute, come quelle testimoniate nella Junior TIM Cup, il grande torneo di calcio a 7 giovanile, riservato ad atleti under 14, promosso dal CSI con Lega Serie A e TIM. In questa nona edizione titolata per l’appunto “Keep Racism Out” alla pratica sportiva ed agli schemi tattici sul campo di gioco, sono affiancati diversi appuntamenti, iniziative formative ed attività di riflessione inerenti il tema delle discriminazioni razziali e d’ogni genere.

Questo speciale “terzo tempo” fondato sui valori dell’integrazione, della multiculturalità e della fratellanza, avverrà non a caso nella casa di una delle società calcistiche che ha sempre mostrato grande feeling, per le famiglie, con i giovani e con i temi educativi: il Sassuolo Calcio. Così mercoledì 20 aprile alle ore 18.00 il Mapei Football Center di Sassuolo aprirà le porte ad alcune squadre di oratorio, le prime a confermare l’Oratorio Santa Croce Reggio Emilia e l’Oratorio dell’Ancora di Sassuolo.

Ad accoglierli, dando loro il benvenuto, rappresentanti della società neroverde. Sarà quindi la triatleta paralimpica Rita Cuccuru, entusiasmo ed energia da vendere, a raccontargli la sua storia segnata dall’incidente occorsole a soli 17 anni subito dopo aver debuttato in serie A, nel calcio femminile e caratterizzata da un’eccezionale determinazione e voglia di riscatto.

All’incontro parteciperanno inoltre Barbara Fontanesi, fondatrice FuoriCampo11 e presidente Consulta dello Sport Comune di Sassuolo, il presidente del CSI Reggio Emilia, Alessandro Munarini, Responsabile Commissione Attività Paralimpiche CSI, oltre a Paolo Zarzana, Allenatore Nazionale Italiana Calcio Amputati, Formatore Nazionale CSI.









Articolo precedenteCaro materie prime a Reggio Emilia a rischio i progetti del Pnrr. La Cisl al sindaco: “discutiamone”
Articolo successivoMirandola, il Punto prelievi torna in Ospedale