Home Reggio Emilia Da Zapi S.p.A. due broncoscopi per la Rianimazione del Santa Maria Nuova

Da Zapi S.p.A. due broncoscopi per la Rianimazione del Santa Maria Nuova

Seconda donazione in pochi mesi






È stata formalizzata ieri la donazione di due broncoscopi alla Struttura di Rianimazione del Santa Maria Nuova da parte di Zapi Spa, per un valore di circa 20.000 euro.

A ricevere Simone Paterlini, membro del consiglio di amministrazione di Zapi Spa e General Manager di Zivan, uno dei brand di ZAPI GROUP, insieme alla responsabile del Marketing e della Comunicazione Valentina Rossi, erano presenti il Direttore del Presidio ospedaliero Giorgio Mazzi, la dottoressa Annunziata Carrese e il dott. Pier Paolo Salsi, rispettivamente Direttore della Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione e Responsabile della Rianimazione.

Anche l’anno scorso Zapi Spa – che fa parte di ZAPI GROUP – aveva donato un ecografo all’ospedale. Ha commentato Simone Paterlini “È un gesto che ci sentiamo di fare per supportare la sanità pubblica e i suoi operatori e rendere disponibili strumentazioni all’avanguardia per un’assistenza ai pazienti che sia sempre più efficace. È questo il motto che continua a ispirare il fondatore e presidente di Zapi, Ing. Giannino Zanichelli anche all’interno del gruppo. Siete una realtà del territorio a cui tutti prima o poi ci affidiamo e riteniamo sia doveroso supportarla”.

Fondata alla metà degli anni ’70, Zapi Spa è parte di ZAPI GROUP ed è la prima azienda del gruppo. Ubicata a Poviglio (Re), Zapi Spa è leader nel controllo del movimento per veicoli a batteria e ibridi ed è specializzata in azionamenti di potenza (inverter) per il segmento delle macchine elettriche AC. Zapi è una realtà che promuove cambiamento e innovazione guardando a un futuro completamente elettrico, con attenzione alla tutela dell’ambiente.

 

Nella foto, il momento della presentazione: al centro Pier Paolo Salsi, alla sua destra Annunziata Carrese, alla sinistra Giorgio Mazzi, Simone Paterlini, Valentina Rossi.









Articolo precedenteIl gazebo della Polizia locale di Modena fa tappa in piazza Roma
Articolo successivoMirandola, celebrazioni decennale terremoto