Home Bologna Mobilità, dal 1 luglio al 28 agosto chiude il sottopasso di Via...

Mobilità, dal 1 luglio al 28 agosto chiude il sottopasso di Via Zanardi tra via de’ Carracci e via Bovi Campeggi

L’intervento necessario per consolidare la struttura ferroviaria






sottopasso via Zanardi (foto: Comune di Bologna -Facebook)

Via Zanardi, nel tratto che collega via de’ Carracci a via Bovi Campeggi, all’altezza del sottopasso ferroviario, verrà chiusa al transito veicolare dal 1 luglio al 28 agosto. L’intervento si rende necessario per procedere con l’esecuzione dei lavori di consolidamento della struttura da parte della società Rete Ferroviaria Italiana (RFI).

I lavori imporranno la chiusura della strada in entrambi i sensi di marcia per tutta la durata dell’intervento e a tal riguardo il settore Mobilità del Comune di Bologna ha emanato un’ordinanza che riporta tutte le modifiche alla viabilità.

I pedoni e le biciclette potranno sempre transitare nel sottopasso, ad eccezione delle prime tre notti di lavoro (tra le ore 23 del 1 luglio e le ore 6 del 2 luglio, tra le ore 23 del 2 luglio e le ore 6 del 3 luglio e tra le ore 23 del 3 luglio e le ore 6 del 4 luglio).

Per quanto riguarda tutti gli altri veicoli, compresi quelli del trasporto pubblico di TPER, come viabilità alternativa potranno utilizzare il nuovo sottopasso Ernesto Maserati, che collega via de’ Carracci a via Bovi Campeggi in entrambi i sensi di marcia. Con una limitazione però: l’accesso da via Bovi Campeggi é infatti vietato ai veicoli di lunghezza superiore ai 12 metri, come riporta la segnaletica permanente già presente, a causa della conformazione delle svolte del sottopasso.
Pertanto veicoli di lunghezza superiore a 12 metri, provenienti da via Bovi Campeggi e diretti verso via de’ Carracci, dovranno utilizzare come percorso alternativo viale Pietramellara, via Matteotti, via Tiarini e via Fioravanti.









Articolo precedenteChiuso per ordine del questore un bar di Castel Maggiore
Articolo successivoTruffatori mascherati da broker si portano a casa 6.000 euro con due telefonate. Denunciati dai carabinieri a San Lazzaro di Savena