(immagine d’archivio)

Dal 27 giugno ha avuto inizio anche per il Commissariato di San Giovanni in Persiceto l’impiego in servizio dell’arma ad impulsi elettrici si tratta del cosiddetto TASER, arma propria assegnata esclusivamente a personale abilitato che ha frequentato uno specifico corso  svolto nelle varie Questure da Istruttori competenti in materia.

Il Taser Mod X2 è una pistola ad impulsi elettrici, classificato come arma non letale, che al momento del suo utilizzo spara elettrodi posizionati su piccoli dardi e risulta esser efficace entro il raggio di sette metri. L’impiego della pistola ad impulsi elettrici da parte degli operatori di Polizia implementa gli strumenti in dotazione e costituisce un passo importante per ridurre i rischi per l’incolumità del personale impegnato nei servizi di Controllo del Territorio, infatti “l’arma gialla” per le sue caratteristiche viene utilizzata al fine di evitare il contatto diretto tra gli operatori di Polizia ed i soggetti violenti capaci di creare turbative per l’ordine e la sicurezza pubblica. Grazie all’adozione del dispositivo, che rappresenta “l’estrema ratio”, gli operatori saranno in grado di gestire in modo più efficace e sicuro le situazioni critiche e di pericolo con soggetti pericolosi, nel caso in cui il dialogo e la ricerca di collaborazione dovesse venir meno.

La pistola ad impulsi elettrici tende a contrastare fenomeni di resistenza, quando si ha a che fare con persone violente e non collaborative ed il suo utilizzo avviene nella piena osservazione dei principi di uso legittimo delle armi, legittima difesa ed esercizio di un dovere.

 









Articolo precedenteProgrammate altre chiusure sulla Diramazione per Ravenna
Articolo successivoBimba di due anni e baby sitter soccorse nella piscina di una villa a Bologna