Ha infranto con un grosso sasso il doppio vetro della finestra di un locale di Canossa perché voleva bere degli alcolici, tra l’altro infortunandosi anche la mano. Le tempestive indagini avviate prontamente dai carabinieri della Stazione di San Polo, anche grazie all’ausilio delle telecamere di video sorveglianza ubicate nell’area del locale, permettevano di risalire al presunto ladro.

Per questi motivi, con l’accusa di furto aggravato i Carabinieri della Stazione di San Polo d’Enza hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna un minorenne residente in provincia di Reggio Emilia. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine delle valutazioni e determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale.

E’ successo il 16 giugno scorso, poco dopo la mezzanotte, quando il presunto ladro ha infranto con un sasso il doppio vetro della finestra di un circolo di un comune della val d’Enza al fine di rubare cinque bottiglie di alcolici, tagliandosi una mano e lasciando diverse macchie di sangue sui vetri e sul pavimento della sede del circolo. Dopo qualche ora venivano allertati dalla centrale operativa di Castelnovo né Monti, dapprima i carabinieri di Carpineti, e successivamente i militari della Stazione di San Polo, i quali giunti sul posto avviavano prontamente gli accertamenti, con il sopralluogo ed il repertamento delle impronte di sangue lasciate dal ladro dopo essersi tagliato. Dopo qualche ora il responsabile del circolo si recava dai carabinieri e dopo aver formalizzato la denuncia, i militari di San Polo d’Enza avviavano approfondite indagini e, grazie anche all’ausilio delle telecamere di video sorveglianza poste nei pressi del circolo, riuscivano a risalire ed identificare il presunto autore del furto, che veniva raggiunto dagli stessi carabinieri presso la propria abitazione. Il minore, aveva un visibile taglio sulla mano, e dopo alcune domande postegli dai carabinieri raccontava agli stessi di essere stato lui l’autore del furto solo perché il bar era chiuso e voleva ancora bere degli alcolici. I carabinieri della Stazione di san Polo hanno quindi acquisito a carico del minorenne elementi circa la sua presunta responsabilità, circostanza per cui veniva denunciato alla Procura minorile del capoluogo felsineo.









Articolo precedente21enne denunciato a Reggio Emilia per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente
Articolo successivoPapa “Vicino alla famiglia di Emanuela Orlandi”