La forza esercitata sulla fune, da una parte tirata dall’auto e dall’altra agganciata alla saracinesca posta a protezione della porta d’ingresso dell’Unieuro di via Martiri di Piazza Tien an Men a Reggio Emilia, ha permesso ai ladri di sradicare la saracinesca, mentre l’uso delle mazze ha permesso di infrangere la vetrata. Tuttavia i malviventi non sono riusciti a portare a compimento il colpo, grazie all’allarme fumogeno entrato in funzione e all’arrivo dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia allertati da un istituto di vigilanza privato.

I malviventi, oltre a desistere dai loro intenti criminali, sono stati costretti a fuggire a piedi abbandonando sul posto un’autovettura Alfa Romeo Giulietta utilizzata per legare la corda, risultata rubata poco prima a Reggio Emilia e recuperata dai carabinieri che dopo i rituali rilievi hanno proceduto a restituirla al derubato.

L’origine dei fatti poco dopo le 23,30 di questa notte, quando una pattuglia della Sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia, su input della Centrale Operativa del Comando Provinciale di Reggio Emilia, interveniva in Martiri di Piazza Tien an Men a Reggio Emilia dove era stato segnalato un furto in atto presso l’attività commerciale ad insegna Unieuro. Sul posto i carabinieri accertavano che ignoti ladri con le modalità sopra esposte sradicavano la saracinesca infrangendo la vetrata con l’intento di perpetrarvi un furto per poi desistere e darsi alla fuga. Sui fatti sono in corso le indagini in ordine al reato di tentato furto aggravato.









Articolo precedenteNatale, in piazza la pista di pattinaggio sul ghiaccio
Articolo successivoPretestuosi controlli in casa da falsi carabinieri: anziana raggirata nel reggiano