Vignola: un treno per Auschwitz 2008






    Domani, venerdì 25 gennaio, alle 10.45, Sindaco e Presidente della Fondazione saluteranno i ragazzi in partenza. Studenti e docenti delle Scuole Superiori di Vignola aderenti al progetto “Un treno per Auschwitz 2008” partiranno dalla stazione di Carpi il prossimo 25 gennaio con un treno speciale per Cracovia (Polonia), e di qui aggiungeranno il campo di sterminio di Auschwitz, per una visita guidata e per partecipare alle cerimonie internazionali di commemorazione del 27 gennaio 1945.

    La giornata della Memoria, istituita con la Legge 20 luglio 2000 n. 211, ricorda il momento in cui ad opera delle Forze Alleate furono abbattuti i cancelli del lager e liberati i prigionieri militari, i deportati politici, i perseguitati per la loro diversità.
    L’Amministrazione Comunale di Vignola, presenti il Sindaco, il Presidente del Consiglio Comunale e gli Amministratori vignolesi, insieme al Presidente della Fondazione di Vignola, incontrerà nella mattina di venerdì 25 gennaio alle 10.45, presso la Biblioteca Auris, studenti, docenti e dirigenti scolastici degli Istituti di Istruzione Superiore “Primo Levi” , “Agostino Paradisi” e “Lazzaro Spallanzani” a poche ore dalla loro partenza.
    L’incontro sarà l’occasione per un caloroso saluto e il dono di un breve testo, “Due lettere sulla banalità del male”, scritte rispettivamente da Hannah Arendt e da Gerhom Scholem, con l’invito agli studenti a riflettere sul significato di questo viaggio nella storia, per non dimenticare. Ai partecipanti sarà offerta in dono anche copia della Costituzione Italiana, nella 60° ricorrenza della sua promulgazione, quale “documento prezioso, perché contiene i principi sui quali si fonda la nostra Repubblica democratica”, documento che va letto, studiato e praticato con consapevole impegno secondo le parole dello stesso Presidente della Repubblica.

    “Un treno per Auschwitz”, dice Silvia Mantovani, curatrice della progettazione e del coordinamento per la Fondazione ex campo Fossoli “è soprattutto un contenitore di proposte didattiche per studenti ed insegnanti, dove il viaggio rappresenta il momento più significativo sia sul piano della conoscenza, sia sul piano delle emozioni”. Saranno coinvolti oltre 1.550 studenti della Provincia di Modena, come sempre accompagnati da docenti, musicisti, scrittori, studiosi, testimoni, per contribuire ad arricchire con le loro competenze l’esperienza di conoscenza e riflessione storica e civica dei giovani.
    Questo viaggio nella memoria e per la memoria si inscrive nel più ampio progetto “Un treno per Auschwitz 2008”, organizzato dalla Fondazione Ex Campo Fossoli, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio del Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero della Pubblica Istruzione, Regione Emilia Romagna, Provincia di Modena, Comuni di Carpi, Castelfranco Emilia, Finale Emilia, Mirandola, Modena, Pavullo, Sassuolo e Vignola, in collaborazione con l’Istituto Storico di Modena e grazie al contributo delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Carpi, Modena, Mirandola, dell’Unione Terre di Castelli e della Fondazione di Vignola. L’Amministrazione Comunale di Vignola contribuisce alle spese del viaggio in treno degli studenti delle Scuole Superiori vignolesi, mentre il trasferimento in autobus da Vignola alla stazione di Carpi e ritorno è offerto dalla Ditta Scorzoni & Palmieri s.r.l di Vignola.
    Al rientro farà seguito, di intesa con le scuole, l’incontro di studenti e docenti accompagnatori con rappresentanti dell’Amministrazione Provinciale e dell’Amministrazione Comunale, per raccogliere le prime impressioni sulla esperienza vissuta e programmare iniziative di presentazione al pubblico dei materiali di documentazione prodotti durante il viaggio, documentazioni che gli studenti avranno cura di rielaborare in ulteriori momenti di studio e attività laboratoriale, anche al fine di produrre il secondo volume del video-dizionario della Shoah, comprendente parole-chiave dalla lettera J alla R: agli studenti vignolesi il compito di occuparsi della lettera P.









    Articolo precedenteValutazione delle tecnologie per la salute: se ne parla oggi a Roma
    Articolo successivoReggio: al via i lavori di riqualificazione area verde ex S.Lazzaro