Acimac lancia una scuola di formazione internazionale in modalità e-learning






    computer_Un innovativo sistema di apprendimento multimediale per formare il personale aziendale su tematiche di interesse generale e soprattutto su processi e conoscenza aziendale. Si chiama IIEA (International Industry E-learning Academy) la scuola di formazione internazionale in modalità e-learning lanciata da Acimac (Associazione Costruttori Italiani Macchine e Attrezzature per Ceramica) e presentata questa mattina presso la sede dell’Associazione di Villa Marchetti a Baggiovara (Modena).

    “La nostra associazione è sempre stata impegnata in ambito formativo sia in Italia sia all’estero” – dichiara Paolo Gambuli, direttore generale di Acimac. – “Per fornire un servizio ancora migliore e al passo coi tempi, abbiamo ora scelto di affiancare alle classiche docenze in aula un metodo formativo online che consente una fruizione più versatile, efficace e al passo con le mutate esigenze aziendali”.

    Anche per questo, i corsi non sono esclusivamente pensati per il settore dei costruttori di macchine per ceramica, ma sono destinati anche a produttori e rivenditori e agli operatori industriali di altri settori produttivi. Per accedere ai corsi formativi è sufficiente un computer con accesso a internet. I corsi sono interattivi e multimediali, sono cioè costituiti da contributi video, testi e immagini che aiutano a mantenere sempre alta l’attenzione degli allievi. I materiali restano poi disponibili sulla piattaforma IIEA, consentendone la consultazione in ogni momento. IIEA offre inoltre un completo sistema di valutazione dell’apprendimento.

    “L’aspetto più peculiare e innovativo della nostra scuola” – aggiunge il responsabile IIEA Cinzia Gennarelli – è l’offerta di corsi cuciti sulle esigenze delle singole aziende”. Uno dei fattori competitivi più importanti oggi, specialmente in un difficile momento come quello che stiamo vivendo, è una corretta gestione della conoscenza aziendale, di quel ricco bagaglio di esperienze, know-how e processi che rendono le nostre aziende competitive sui mercati mondiali. IIEA si offre come partner capace di aiutare le aziende a catalogare, organizzare e rendere disponibile a tutto il personale interno e ai collaborati esterni (venditori, agenti, rappresentanti, installatori), spesso residenti in Paesi molto distanti dalla sede dell’azienda, quell’immenso bagaglio di conoscenze e know-aziendale attualmente disseminato nei vari uffici, singoli computer e documenti o, in taluni casi, affidato alla semplice trasmissione orale tra dipendenti”.

    Il supporto di consulenza fornito da IIEA parte per questo da una attenta valutazione delle esigenze e delle documentazioni della singola azienda per arrivare a costruire un percorso formativo completo e modulabile negli anni.

    L’offerta formativa IIEA si articola, quindi, in: corsi su misura (corsi concepiti sulle singole esigenze aziendali che consentono di gestire il know-how aziendale verso le divisioni interne ed esterne con verifica degli stati di avanzamento e apprendimento), corsi a catalogo (corsi di formazione su tematiche generali per chi fa impresa, e di interesse specifico per singoli settori industriali), corsi su richiesta (IIEA accoglie le esigenze formative provenienti dal mercato, per poi progettare corsi basati sugli elevati standard qualitativi IIEA), corsi tradizionali in aula.

    La piattaforma tecnologica IIEA è basata su un software open source (non richiede quindi esborsi economici o pagamenti di licenze) sviluppato dall’Università di Colonia che, oltre ad un elevato grado di personalizzazione e versatilità, assicura ottimi standard di sicurezza. Tutti i materiali risiedono su server protetti, accessibili solo tramite password personali, con possibilità di tracciare e abilitare all’uso i singoli pc (identificati attraverso l’indirizzo IP della macchina), monitorare i tempi di consultazione e download dei materiali.

    “Sono queste importanti peculiarità – chiosa il vice presidente di Acimac Barbara Franchini – che ci hanno portato a sposare appieno questo metodo formativo. Crediamo possa essere un valido aiuto per tutte le imprese per avviare un processo formativo costante, moderno e efficace che consenta loro di restare competitive, aumentando di riflesso anche i servizi e l’assistenza alla clientela in ogni parte del mondo”.









    Articolo precedenteBologna, Sirio e domeniche ecologiche: ecco le novità
    Articolo successivoProve aperte a Formigine per Spira Mirabilis