Home Publiredazionali publiredazionali reggio emilia Dove comprare casa a Bologna per essere al centro della vita artistico-culturale...

Dove comprare casa a Bologna per essere al centro della vita artistico-culturale della città



Dove comprare casa a Bologna per essere al centro della vita artistico-culturale della cittàÈ una città vitale, turistica quanto basta e frequentata da un gran numero di giovani anche per via della presenza di una delle università più antiche di tutto l’Occidente. È per questo che quanto a case in vendita Bologna riserva buoni affari, soprattutto per chi cerca immobili su cui fare un investimento e da destinare cioè all’ospitalità o alla locazione per fuorisede. Quella che segue prova a essere, così, una guida ai quattro quartieri più creativi e dinamici di Bologna dove acquistare casa.

I quattro quartieri più creativi e giovani di Bologna

Il primo non può che essere la vecchia Bologna, come gli abitanti del posto hanno preso a riferirsi al centro storico della città. Luoghi iconici come i portici, le due torri, la cattedrale non sono le uniche attrattive della zona: chi sia più interessato alle proposte e alla vita artistico-cultura qui troverà palazzi storici sedi di fondazioni culturali o che accolgono i più svariati festival artistici ma, anche, musei e circoli che animano la scena intellettuale della città. Pedonalizzata e chiusa al traffico, è una zona tranquilla e adatta anche a chi ama la vita notturna. Certo, i prezzi potrebbero non essere dei più bassi con una media di quasi 3000 euro al metro quadro.

Appena più in là del centro, e ottimo per chi abbia intenzione di acquistare casa a Bologna ma un budget a disposizione decisamente più basso, anche il quartiere di San Vitale è uno dei più interessanti attualmente dove vivere a Bologna. Spesso conosciuto anche come San Donato, dal nome della chiesa che si trova in una delle sue piazze principali, o come zona universitaria, per via appunto della vicinanza con le sedi di diverse facoltà, è un ex quartiere operaio e di edilizia popolare che ha subito negli ultimi anni un massiccio processo di riqualificazione: oggi è animato a ogni ora del giorno e della notte da studenti e nei locali e negli esercizi commerciali della zona non mancano opportunità di svago, anche all’insegna della cultura appunto.

Sorte simile è quella toccata ai quartieri Porto-Saragozza e Costa-Saragozza, al sud della città e quasi al confine con i colli. Qui si trovano quelli che sono, forse, oggi alcuni dei poli culturali più importanti della città come il MAMbo, la Cineteca di Bologna, la Manifattura delle Arti e ciò ha contribuito a renderli una delle zone più bohémien e d’appeal anche per i turisti che giungono in città attratti dalla sua storia artistico culturale (Bologna è tradizionalmente nota come la dotta). Viverci è un continuum di occasioni mondane e di scoperte di ogni tipo.

Anche Bolognina è tra i quartieri migliori dove cercare casa a Bologna se, più della tranquillità o dei comfort a tutti i costi, si apprezza ritrovarsi al centro di una fervente vita culturale e artistica. Vicina alla Stazione Centrale e alla Fiera, è questa la zona infatti degli edifici più all’avanguardia e che ricordano le grandi capitali europee, oltre ad attrarre un pubblico dello stesso tipo. Decisamente cosmopolita, non a caso, la zona è spesso scelta per festival, tour letterari e musicale dal richiamo internazionale.

Articolo precedenteOnline Natale a Sassuolo
Articolo successivoLa malattia di Bechet: a Reggio Emilia un convegno insieme ai pazienti e un nuovo fluorangiografo