Sarah Savioli (C) Adolfo Frediani

“Indagine sul giallo – Quattro appuntamenti in biblioteca” è il ciclo di incontri organizzato dalla “Università per la Libera Età – Natalia Ginzburg” con il patrocinio e la collaborazione dell’Amministrazione comunale, che inizierà sabato 8 ottobre nell’auditorium “Loria”: appuntamenti pomeridiani con scrittori e giornalisti, curati da Sonia Folin, su un genere molto amato dai lettori quale appunto il giallo. Una rassegna con cui la “Natalia Ginzburg” inaugura il proprio “anno accademico”.

Si inizia con la scrittrice milanese Alice Basso che, dialogando con Sonia Folin, presenterà “Una stella senza luce” (Garzanti, 2022), una storia piena di colpi di scena e di pericoli ambientata nell’Italia del 1935. Considerata una delle autrici femminili di genere più prolifica, Basso ha pubblicato sempre per Garzanti numerosi romanzi e racconti, con protagonista una scrittrice. Il secondo appuntamento della rassegna, sabato 15 ottobre, ospiterà Sarah Savioli, scrittrice parmigiana di origine sarda che, intervistata da Simonetta Bitasi, presenterà “La banda dei colpevoli” (Feltrinelli, 2021).

Il 22 ottobre alla “Loria” arriverà poi Annachiara Sacchi giornalista di “La Lettura”, il supplemento culturale del “Corriere della Sera”, per un appuntamento dal titolo “Il giallo sta bene con tutto – Viaggio al centro di un genere letterario” con le letture di Simone Maretti.

Sabato 29 ottobre si chiuderà con Marco Malvaldi e Samantha Bruzzone, coppia nella letteratura e nella vita, che presenteranno il loro ultimo libro “Chi si ferma è perduto” (Sellerio, 2022), dove la protagonista Serena Martini, ex-chimica e sommelier temporaneamente disoccupata, metterà il proprio eccezionale fiuto al servizio di un’indagine tutta al femminile.

Tutti gli incontri avranno inizio alle ore 17:30: la partecipazione è libera sino a esaurimento posti. Per informazioni: 059652320 (“Università Natalia Ginzburg”) o 059649950 (Biblioteca Multimediale Loria); www.bibliotecaloria.it









Articolo precedenteTredici percorsi formativi personalizzati per il reinserimento sociale e lavorativo delle persone svantaggiate: li finanzia la Regione con oltre 2 milioni di euro del Fse +
Articolo successivoAutunno… tempo di fiera a Sant’Ilario