“Ancora una volta Ferrari ha scelto di tenere fuori dalla discussione la Fiom Cgil e la rispettiva Rappresentanza Sindacale Aziendale”. Così Fiom Cgil Modena – RSA Fiom Cgil Ferrari.

“Nei giorni scorsi lavoratrici e lavoratori Ferrari, nel corso delle assemblee sindacali convocate dalla Fiom Cgil, avevano votato una piattaforma di richieste che, solo dopo l’approvazione, era stata inviata alla Direzione della Ferrari spa.

All’incontro seguito all’invio della piattaforma la Fiom Cgil e le RSA Fiom Cgil hanno esposto all’Azienda le richieste condivise ed approvate dai lavoratori e dalle lavoratrici.

Ma, ancora una volta, Ferrari spa non le ha volute discutere e, ancora una volta, non permetterà alle RSA Fiom Cgil di partecipare gli incontri/confronti periodicamente previsti con le RSA delle altre sigle contrattuali per affrontare temi aziendali quali l’organizzazione del lavoro.

La riteniamo una occasione persa!

Crediamo comunque che l’atteggiamento propositivo da parte della Fiom Cgil, mai distruttivo ma improntato alla volontà di migliorare le condizioni di vita e di lavoro di lavoratori e lavoratrici, non possa essere ignorato in futuro!

Ferrari spa non applica il contratto nazionale dei metalmeccanici applicato nelle altre imprese modenesi, ma questa non può essere la discriminante se la volontà comune è di avviare confronti positivi!

Ad oggi – proseguono Fiom Cgil Modena – RSA Fiom Cgil Ferrari – non abbiamo il testo dell’accordo, abbiamo solo letto i volantini ed i comunicati stampa. Potremo esprimere valutazioni  solo quando avremo i testi, ma ci permettiamo alcune considerazioni.

Avremmo voluto essere a quel tavolo per stimolare e partecipare, certi che la presenza di tutti coloro che rappresentano lavoratori e lavoratrici è un valore aggiunto!

Poi esprimiamo una certezza: non avremmo mai accettato che si potesse sottoscrivere un accordo senza il voto vincolante di lavoratrici e lavoratori sulla piattaforma e successivamente sull’ipotesi di accordo!

La frase di Gaber “LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE” non è uno slogan! La libertà si concretizza nel diritto dei dipendenti Ferrari spa di decidere del loro contratto.

Crediamo quindi che se LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE si debba cominciare dal rendere lavoratori e lavoratrici della Ferrari spa liberi di scegliere chi li deve rappresentare con un percorso elettorale che veda tutte le organizzazioni presenti in Ferrari sullo stesso livello.

Noi siamo pronti”.

(Fiom Cgil Modena – RSA Fiom Cgil Ferrari)

 









Articolo precedenteVìola il divieto di avvicinamento ai familiari, arrestato a Castelfranco Emilia
Articolo successivoRavarino: all’interno del circolo senza la prescritta tessera associativa